Testamento, per la prova dell’incapacità naturale può non bastare la documentazione medica

Sottrarre il cellulare altrui per leggere i messaggi è rapina
28 dicembre 2021
Assegno per i figli: il quantum si determina non solo in base ai redditi dichiarati
29 dicembre 2021

L’accertamento sullo stato di incapacità naturale a testare, va condotto anche attraverso dati fattuali ulteriori rispetto alla documentazione medica, volti a confermare specificamente l’esistenza di patologie incidenti sulla capacità psichica del de cuius.

in tema di annullamento del testamento, l’incapacità naturale del testatore postula la esistenza non già di una semplice anomalia o alterazione delle facoltà psichiche ed intellettive del “de cuius“, bensì la prova che, a cagione di una infermità transitoria o permanente, ovvero di altra causa perturbatrice, il soggetto sia stato privo in modo assoluto, al momento della redazione dell’atto di ultima volontà, della coscienza dei propri atti o della capacità di autodeterminarsi; peraltro, poiché lo stato di capacità costituisce la regola e quello di incapacità l’eccezione, spetta a chi impugni il testamento dimostrare la dedotta incapacità, salvo che il testatore non risulti affetto da incapacità totale e permanente, nel qual caso grava, invece, su chi voglia avvalersene provarne la corrispondente redazione in un momento di lucido intervallo.

Cassazione civile, sez. II, ordinanza 9 dicembre 2021, n. 39035

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi