Termine per l’azione di disconoscimento della paternità (adulterio)

La diversa collocazione del figlio non tocca automaticamente l’assegno
3 luglio 2019
Danno per la mancata presenza paterna va provato
4 luglio 2019

Il dies a quo per la decorrenza del termine annuale per esercitare l’azione di disconoscimento di paternità ex articolo 244 c.c. va individuato in quello della scoperta dell’adulterio o meglio dall’acquisizione certa della conoscenza (e non come mero sospetto) dell’evento (relazione o incontro) sessuale idoneo a determinare il concepimento del figlio che si vuole disconoscere. La prova dell’adulterio grava sull’attore e vertendosi in materia di diritti indisponibili, in cui non né ammessa né negoziazione né rinuncia, ai fini della tempestività dell’azione, l’indagine sull’epoca della conoscenza dell’adulterio inerisce ad un dato cronologico e oggettivamente neutro che può essere autonomamente provato con ogni mezzo di prova consentito. Il dies a quo può quindi decorrere dall’esito dell’indagine genetica, se non contestato, che ad ogni modo non esonera il giudice dall’accertamento degli atti in causa di un eventuale diverso termine di decorrenza che renda inammissibile l’azione.
• Corte di Cassazione, sezione I, sentenza 11 giugno 2019, n. 15727 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi