Danno per la mancata presenza paterna va provato

Termine per l’azione di disconoscimento della paternità (adulterio)
4 luglio 2019
Utilizzo della casa comune da parte di uno solo dei coniugi separati
4 luglio 2019

Il danno non patrimoniale, con particolare riferimento a quello cd. esistenziale, asseritamente provocato al figlio dalla mancata presenza della figura paterna nella propria vita, non può essere considerato “in re ipsa” ma deve essere provato secondo la regola generale dell’ art. 2697 c.c., dovendo consistere nel radicale cambiamento di vita, nell’alterazione della personalità e nello sconvolgimento dell’esistenza del soggetto. Ne consegue che la relativa allegazione deve essere circostanziata e riferirsi a fatti specifici e precisi non potendo risolversi in mere enunciazioni di carattere generico, astratto, eventuale ed ipotetico.

Cassazione civile, sez. I, sentenza 26 giugno 2019, n. 17164.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi