Presupposto per l’interdizione

Cessione quota della casa tra conviventi non sconta l’esenzione
1 ottobre 2022
Affidamento temporaneo dei minori ai nonni: solo se c’è autentico legame affettivo
2 ottobre 2022

Il presupposto richiesto dall’articolo 414 c.c. per la pronunzia di interdizione è che la persona si trovi “in condizioni di abituale infermità di mente che la renda incapace di provvedere ai propri interessi”; si richiede, cioè, non l’esistenza di una tipica malattia mentale o di un’infermità nella quale ricorrono caratteristiche di una forma patologica ben definita, bensì l’esistenza di un’alterazione delle facoltà intellettive e/o volitive tali da determinare una totale incapacità di provvedere ai propri interessi, non solo con riguardo agli affari di indole patrimoniale, ma anche a tutti gli atti della vita, a tutela di interessi suscettibili di essere coltivati attraverso l’adozione di opportuni atti giuridici e, per la cui difesa, pertanto, sia configurabile una supplenza del tutore.

Tribunale Nocera Inferiore, Sez. I, sentenza, 1 giugno 2022, n. 824

 

https://ntplusdiritto.ilsole24ore.com/art/famiglia-e-successioni-punto-giurisprudenza-giudici-merito-AEfToe4B?cmpid=nl_ntDiritto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi