Posti auto in condominio: li può assegnare il Giudice, se non c’è l’accordo

Incidente stradale causato da animali selvatici. Chi risarcisce il danno?
12 novembre 2015
Separazione: il bambino non può essere continuamente spostato da una casa all’altra
14 novembre 2015

Il giudice può assegnare i posti auto alle parti sulla base della Ctu, senza che ciò determini la creazione di una nuova figura di diritto reale. Il sottotetto, invece, non solo si può dividere ma ciascuno può costruire una parete divisoria a protezione della sua proprietà, salvo l’obbligo di consentire l’accesso alle parti comuni per la riparazione. È quanto emerge dalla sentenza 23118/15, pubblicata il 12 novembre dalla seconda sezione civile della Cassazione.

L’assegnazione degli spazi per la sosta costituisce una manifestazione del potere di regolamentazione dell’uso della cosa comune consentito all’assemblea del condominio. Quando manca la delibera dell’assemblea o l’accordo fra i condomini, la regolamentazione ben può essere domandata al giudice, il quale ha senz’altro la facoltà di disporla. E ciò perché l’assegnazione individuale dei posti auto serve soltanto a rendere più ordinato e razionale l’uso paritario della cosa comune senza determinare la divisione del bene (né un diritto reale non previsto dal codice).

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi