Se pende contemporaneamente separazione e divorzio, prevale il secondo

Si alla vendita della casa familiare quando la moglie affidataria avrà trovato un lavoro
30 novembre 2022
Per accertare lo squilibrio reddituale non bastano le dichiarazioni dei redditi
30 novembre 2022

Per evitare il rischio di contrasti nelle decisioni nella contemporanea pendenza tra i due giudizi (separazione e divorzio) merita in ogni caso di essere privilegiato quello del divorzio; ciò non tanto in quanto logicamente successivo, ma perché le sue decisioni sono potenzialmente destinate a proiettare i propri effetti nel tempo in modo più duraturo e avere così una più estesa tenuta nella regolamentazione dei rapporti tra gli ex coniugi, mentre la decisione del giudice della separazione (e del procedimento per la modifica delle condizioni di separazione) è fisiologicamente limitata da un punto di vista temporale e la valutazione e decisione sulle stesse all’interno del processo di divorzio non può quindi che avere carattere assorbente rispetto agli stessi profili ancora eventualmente sub iudice nella separazione (e di modifica)

Corte d’Appello di Bologna, 28 ottobre 2022

 

https://www.osservatoriofamiglia.it/contenuti/17512787

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi