Maltrattamenti in famiglia: vessazioni ripetute anche se non per tempo prolungato

Figlio universitario fuori sede e assegnazione della casa familiare
5 marzo 2019
rendita pensionistica: rientra in comunione dei beni?
5 marzo 2019

Integra l’elemento oggettivo del delitto di maltrattamenti in famiglia il compimento di più atti, delittuosi o meno, di natura vessatoria che determinano sofferenze fisiche o morali, realizzati in momenti successivi, senza che sia necessario che essi vengano posti in essere per un tempo prolungato, essendo sufficiente la loro ripetizione e non rilevando, posta la natura abituale del reato, che durante lo stesso siano riscontrabili nella condotta dell’agente periodi di normalità e persino di apparente accordo con il soggetto passivo.
•Corte di cassazione, sezione VI penale, sentenza 25 febbraio 2019 n. 8312

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi