Quando l’immobile non cade in comunione

Ai coniugi separati non si applica la sospensione della prescrizione
6 dicembre 2022
Le spese straordinarie per i figli devono essere concordate
9 dicembre 2022

In caso di acquisto di un immobile effettuato dopo il matrimonio da uno dei coniugi in regime di comunione legale, la partecipazione all’atto di acquisto dell’altro coniuge non acquirente non assume portata confessoria qualora la dichiarazione del coniuge acquirente che i beni sono stati acquistati con il prezzo del trasferimento di beni personali non contenga l’esatta indicazione della provenienza del bene da una delle diverse fattispecie di cui alle lettere a), b), c), d, e, del medesimo art. 179 c.c.. In mancanza di tale indicazione, l’eventuale inesistenza dei presupposti che escludono il bene acquistato dalla comunione legale può essere fatta valere con una successiva azione di accertamento della comunione, senza alcun valore confessorio della dichiarazione adesiva del coniuge non acquirente.

 

Cass. sez. II, Ord. 29 novembre 2022, n. 35086

 

https://www.osservatoriofamiglia.it/contenuti/17512833/lacquisto-esclusivo-puo-essere-contestato-cass-sez-ii-ord-29.html

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi