Lavoro e stipendio da parte di un ex coniuge non esclude automaticamente l’assegno divorzile

L’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne, una volta cessato, non può risorgere
13 giugno 2022
Il tribunale interviene solo in caso di insuperabile conflittualità tra i genitori, e non di diversi orientamenti educativi
13 giugno 2022

 

l’attività lavorativa e la percezione di stipendio da parte di un ex coniuge non vale ad escludere automaticamente il diritto alla percezione di assegno divorzile laddove l’entità del guadagno, rapportato alle spese fisse, non sia tale da assicurare una reale autonomia e un’esistenza dignitosa.

Il reperimento di un’attività lavorativa da parte dell’ex moglie negli anni successivi alla separazione coniugale non è sufficiente ad escludere la spettanza dell’assegno divorzile.

Rileva la  rinuncia a svolgere attività lavorativa durante la vita matrimoniale allorchè si tratti di una scelta condivisa dei coniugi, volta a consentire alla moglie di occuparsi del ménage familiare e della cura e accudimento della figlia

Trib. Bologna sentenza n.848 / 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi