Lavoro in nero: no assegno divorzile se non sono provati i reali redditi dell’ex moglie

Prelevare metà conto corrente è appropriazione indebita
6 marzo 2020
Non pagare il mantenimento determina l’affido esclusivo alla madre
7 marzo 2020

 

Niente assegno divorzile alla ex moglie, se non è stato provato il suo effettivo guadagno, derivante dallo svolgimento saltuario e irregolare di prestazioni di manicure.

La Corte d’Appello nel riconoscere l’assegno alla donna non ha provveduto alla comparazione delle rispettive situazioni reddituali dei coniugi per la mancanza di prove sul guadagno effettivo della donna e e non ha tenuto conto dei principi esposti da due sentenze chiave della Cassazione in materia, secondo le quali, occorre valutare anche il contributo dei coniugi alla formazione della vita e del patrimonio familiare e personale, tenendo conto della durata del matrimonio, dell’età del coniuge richiedente e della sua capacità di produrre reddito. Erra quindi la Corte nel riconoscere l’assegno solo perché il tenore di vita della donna dopo la separazione non è neppure “tendenzialmente analogo” a quello goduto durante il matrimonio.

Cass. civile ordinanza n. 5603/2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi