Assegno divorzile: incide l’attribuzione di un immobile con lo scioglimento della comunione

Adozione solo dopo il fallimento dei tentativi di recupero
20 maggio 2021
Addebito della separazione per minacce e denigrazioni su Facebook
21 maggio 2021

nella valutazione delle condizioni reddituali e patrimoniali degli ex coniugi, ai fini dell’attribuzione e quantificazione dell’assegno divorzile, il giudice è tenuto a valutare «se e in quale misura l’esigenza di riequilibrio [delle condizioni degli ex coniugi, cui è funzionale l’istituto dell’assegno divorzile] non sia già coperta dal regime patrimoniale prescelto, giacchè se i coniugi abbiano optato per la comunione, ciò potrà aver determinato un incremento del patrimonio del coniuge richiedente, tale da escludere o ridurre la detta esigenza», a seguito dello scioglimento della comunione

Nel caso di specie assume rilevanza l’assegnazione esclusiva di un immobile alla moglie a seguito delle divisione della comunione legale:l’idoneità dell’attribuzione esclusiva del bene, in sede divisoria, a favore dell’ex coniuge ad incidere sull’assetto patrimoniale definito in sede di divorzio deve essere verificata dal giudice che ne deve dare conto in motivazione, con riferimento alla fattispecie concreta.

Cass. civ., sez. I, sent., 5 maggio 2021, n. 11787

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi