Vessazioni all’ex coniuge configurano il reato di maltrattamenti (non di stalking)

Mancato riconoscimento del figlio e risarcimento del danno
13 agosto 2021
Moglie benestante versa l’assegno divorzile a ex marito invalido
17 agosto 2021

Le vessazioni rivolte all’ex coniuge possono integrare il delitto di maltrattamenti e non di atti persecutori quando le condotte proseguono anche dopo l’interruzione della convivenza, sempre che non siano venuti meno i vincoli di solidarietà che derivano dal precedente rapporto.

le condotte vessatorie rivolte alla vittima, anche dopo la cessazione della convivenza more uxorio, integrano il reato di maltrattamenti in famiglia in tutti i casi in cui perduri il vincolo di solidarietà derivante dal precedente rapporto intercorso tra le parti. Tale delitto, come abbiamo visto all’inizio, consiste in una condotta violenta commessa in danno di una persona della famiglia o comunque convivente. L’interesse tutelato, quindi, è l’integrità fisica e psichica dei soggetti che fanno parte del nucleo familiare.

Il delitto di stalking, invece, si compie attraverso atti di molestia o minaccia reiterati, senza che vi sia necessariamente una relazione interpersonale ben precisa. Anzi, il pregresso rapporto tra le parti rappresenta, al più, una circostanza aggravante.

Cass. penale sent. n. 30129/2021 del 02.08.2021.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi