Testamento: per l’annullabilità l’infermità del testatore deve essere totale

No all’assegno sociale se ci sono i presupposti per l’assegno di mantenimento
22 maggio 2022
Allontanamento del figlio dalla casa familiare, sorti dell’assegnazione
23 maggio 2022

La nozione di incapacità di intendere e di volere tale da determinare l’incapacità di testare nella accezione di cui all’art. 591, comma 2, n.3, c.c., implica di accertare che il testatore versasse in condizioni intellettive tali da dover far escludere la permanenza di qualsiasi facoltà di discernimento o della possibilità di potersi determinare liberamente e autonomamente nelle proprie scelta. In tale prospettiva, quindi, non ogni anomalia o alterazione delle facoltà intellettuali implica incapacità di testare, ma occorre, a tale effetto, che l’anomalia incida totalmente sulla coscienza dei propri atti ovvero di quell’attitudine di autodeterminarsi; e tale condizione non si identifica in una generica alterazione del normale processo di formazione ed estrinsecazione della volontà ma richiede che, a causa della infermità, il soggetto, al momento della redazione del testamento, sia assolutamente privo della coscienza del significato dei propri atti e della capacità di autodeterminarsi.

Corte di Appello di Torino, Sez. II, Sent., 28 marzo 2022, n. 340

https://www.osservatoriofamiglia.it/contenuti/17512082

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi