Si può usare la registrazione telefonica in una causa di separazione o divorzio?

Allontanamento da casa ingiustificato: sì alla separazione per colpa
13 maggio 2013
Assegno di divorzio anche all’ex che durante il matrimonio manteneva il marito
20 maggio 2013

Capita spesso che nelle separazioni e divorzi “difficili”,  uno dei coniugi registri le conversazioni telefoniche intervenute con l’altro, e dalle quali emergano elementi fondanti responsabilità di diversa natura (es: ammissione di tradimento, impedimento degli incontri con i figli, minacce di varia natura e così via).

Al legale è spesso chiesto se queste registrazioni possono essere utilizzate contro l’altra parte nell’ambito di un giudizio.

Occorre quindi far chiarezza sul punto.

Non è reato  la registrazione di un colloquio ad opera di uno degli interlocutori, all’insaputa dell’altro. Trattandosi di condotta posta in essere da chi è parte  della conversazione, non si tratta di intercettazione, nè di un’interferenza illecita nell’altrui vita privata punita dall’art. 615 bis c.p.

La giurisprudenza è concorde sul punto e ritiene lecito anche l’uso della registrazione in un giudizio quale  prova documentale, trattandosi di  prova documentale precostituita compresa nell’elenco delle riproduzioni magnetiche indicate dal codice civile.

Per essere utilizzata nel processo, occorre semplicemente la produzione o esibizione ad opera della parte. Meglio sarebbe che  il supporto con la registrazione venisse depositato insieme alla trascrizione del suo contenuto o che si richiede che venga trascritto da un consulente tecnico nominato dal Giudice.

Alla produzione di documenti non può mai opporsi la controparte e il Giudice non può vietarne la produzione o di ordinarne l’espunzione dal fascicolo di causa. Solo in sede di decisione e, quindi di valutazione finale di tutte le prove acquisite, il giudice potrà decidere di non utilizzare il documento ritenendolo non rilevante.

E’ sulla controparte che grava l’onere di provare  che i fatti che le registrazioni  vogliono provare non sono realmente accaduti con le modalità risultanti dalle stesse.

Il disconoscimento deve essere chiaro, circostanziato ed esplicito, oltre che tempestivo, cioè avvenire nella prima udienza o nella prima risposta successiva alla rituale acquisizione delle suddette riproduzioni. (Cass., sez. lav., 28 gennaio 2011, n. 2117; Cass., sez. III, 22 aprile 2010, n. 9526).

Nel caso di contestazione,  le registrazioni possono comunque essere usate dal Giudice come elemento di prova che, unito agli altri, fondi il suo convincimento.

Non è reato registrare una conversazione perchè “chi conversa accetta il rischio che la conversazione sia documentata mediante registrazione” (Cass. pen. , sez. III, sent. 13 maggio 2011, n. 18908);  la privacy è violata solo in caso di diffusione indebita, cioè per scopi diversi dalla tutela di un diritto proprio o altrui, integrando così il reato di cui all’art. 167 d.lgs. 196 del 2003.

Non sussiste alcun illecito neppure se la registrazione viene usata senza il consenso della parte che non sapeva di venire registrata.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi