Segnalazione alla Centrale Rischi: quando è legittima

Violenza assistita, cioè quando i minori assistono ai maltrattamenti di un genitore nei confronti dell’altro: è reato
31 gennaio 2015
Assegno di divorzio: è indipendente dall’assegno di separazione
4 febbraio 2015

La banca può legittimamente segnalare alla Centrale rischi della Banca d’Italia il cliente in posizione di “sofferenza“ (riferita all’intera esposizione per cassa, anche se non è stata accertata da una sentenza del tribunale, o situazioni sostanzialmente equiparabili, indipendentemente dalle eventuali previsioni di perdita formulate dalle aziende) non solo nel caso di accertata insolvenza, ma anche nel caso in cui il rientro nel debito non appaia sicuro o, quantomeno, altamente probabile”.
Secondo la Cassazione, che sul punto si è pronunciata con la sentenza 1725/2015, non occorre ai fini della segnalazione la certezza che il proprio cliente non possa adempiere, essendo invece sufficiente una ragionevole probabilità, tratta dalla documentazione in possesso dell’istituto bancario o dal comportamento del debitore stesso.
La segnalazione alla Centrale Rischi è regolata da una circolare del 1991 dettata dalla Banca d’Italia lata da una , in base alla quale “ciascuna banca, qualora l’esposizione del cliente raggiunga o superi i limiti previsti da una delle categorie di rischio censite, è tenuta ad informare la Banca d’Italia”. Tale informazione viene poi condivisa con tutte le altre banche.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi