Se la donna può lavorare l’assegno di mantenimento può essere ridotto o negato

Spese straordinarie necessarie: non c’è l’obbligo di informare l’altro genitore preventivamente
18 febbraio 2017
Cessata la convivenza, i beni vanno restituiti a chi ne è proprietario
25 febbraio 2017

Secondo il Tribunale di Roma (sent. 24007/2016), in linea con la giurisprudenza più recente, non è dovuto l’assegno di mantenimento alla ex moglie se è  ancora giovane e in grado di lavorare. Nel risolvere il singolo caso, alla luce dell’effettiva e concreta possibilità, per la donna, di reimpiegarsi. In altre parole, il giudice deve tenere conto delle sue obiettive capacità di lavorare e, quindi, di mantenersi da sola.Le precedenti esperienze lavorative, la formazione, l’età giovane e l’idoneità al lavoro costituiscono parametro per determinare la misura del mantenimento e, in alcuni casi, possono giustificare il completo diniego dell’assegno.Quindi,  se non ci sono impedimenti a che la donna lavori, alla moglie può essere negato o ridotto l’assegno di mantenimento. Nel caso all’esame del Tribunale di Roma, è stato negato l’assegno divorzile a una donna con poco più di 40 anni, sulla base del fatto che la ex moglie aveva acquisito una discreta professionalità che le consentiva di lavorare nonostante la grave crisi occupazionale del mercato di oggi.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi