Cessata la convivenza, i beni vanno restituiti a chi ne è proprietario

Se la donna può lavorare l’assegno di mantenimento può essere ridotto o negato
22 febbraio 2017
Rifiutare il sesso non sempre è motivo di addebito della separazione
25 febbraio 2017

Quando la convivenza more uxorio viene meno gli oggetti restano nella disponibilità di chi ne è l’effettivo proprietario. Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza n. 4685/2017. La questione nasce da una signora che, a seguito della rottura di una lunga convivenza more uxorio dalla quale erano nati figli, aveva chiesto il riconoscimento anche dei beni del compagno che aveva abbandonato la casa.

La Cassazione  ha ritenuto che la mancata comparizione della donna a rendere il giuramento suppletorio e comunque la mancata prova della proprietà rappresentasse una probatio semiplena che non necessitava di ulteriori elementi e che si trattava di apprezzamenti di fatto non sindacabili in sede di legittimità se non sotto il profilo dell’adeguatezza della motivazione.

Conclusioni – La Cassazione ha ricordato, infine, come la convivenza more uxorio «determini sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente, che assume i connotati tipici della detenzione qualificata». Rigettato, quindi, l’appello della donna con condanna di quest’ultima al pagamento alle spese di causa.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi