Il risarcimento ottenuto dall’ex coniuge non giustifica la richiesta di assegno divorzile

Non spetta al coniuge superstite il diritto d’abitazone sulla casa di proprietà del de cuius e della prima moglie
31 maggio 2021
Il genitore deve informare l’altro della bocciatura del figlio
1 giugno 2021

Ribadito che la funzione equilibratrice del reddito degli ex coniugi, assegnata dal legislatore all’assegno divorzile, non è indirizzata alla ricostituzione del tenore di vita endoconiugale, il collegio della I Sezione civile ha chiarito che il divario tra le posizioni reddituali dei due ex partner non è decisivo per l’attribuzione dell’assegno di mantenimento. E ciò anche nelle ipotesi in cui l’incremento di reddito, per uno dei due, è stato determinato da un grave infortunio sul lavoro e da una invalidità lavorativa totale, per cui la somma ricevuta a titolo di risarcimento è destinata a fronteggiare le spese mediche, anche future.

Cassazione civile, sez. I, ordinanza 12 maggio 2021, n. 12576.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi