Rapporto tra reclamo contro l’ordinanza presidenziale e l’istanza di modifica al GI

Affidamento preadottivo: la famiglia non è parte necessaria del procedimento di adozione
10 aprile 2021
Assegnazione della casa coniugale: gratuita, ma le spese ordinarie si pagano
11 aprile 2021
In considerazione della maggiore ampiezza dell’ambito cognitivo del G.I., non è consentita la contemporanea presenza del procedimento di reclamo innanzi alla Corte d’Appello e del procedimento di revoca/modifica innanzi al G.I. dei provvedimenti presidenziali.
Pertanto, qualora l’istanza di revoca/modifica al G.I. sia stata proposta prima della proposizione del reclamo alla Corte, quest’ultimo deve essere dichiarato inammissibile, avendo la parte esaurito, per così dire, il proprio potere di impugnativa.
Qualora invece, proposto il reclamo alla Corte d’Appello e prima che questa si pronunci, venga altresì presentata al G.I. istanza di revoca/modifica ai sensi del quarto comma dell’art. 709 cpc, la scelta della parte di adire un organo il cui ambito cognitivo è maggiore, evidenzia la volontà implicita di rinuncia al rimedio di minore portata (il reclamo ex art. 708, comma 4 cpc) che, pertanto diviene improcedibile.

Corte di Appello di Bologna, 12 marzo 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi