Affidamento preadottivo: la famiglia non è parte necessaria del procedimento di adozione

Foto sui social provano il tenore di vita
10 aprile 2021
Rapporto tra reclamo contro l’ordinanza presidenziale e l’istanza di modifica al GI
11 aprile 2021

La mancata partecipazione nel giudizio di adottabilità della famiglia presso la quale il minore è collocato in affido preadottivo non comporta la nullità della sentenza, non essendo possibile applicare l’articolo 5 della legge sulla continuità affettiva (l. n. 173/2015). La norma, infatti, si può applicare solo nel caso di affidamento eterofamiliare e non di quello preadottivo, essendo la nuova previsione legislativa, collocata all’interno del sistema normativo che si occupa di questa forma di affidamento la quale si caratterizza per offrire un sostegno temporaneo al minore privo di un ambiente familiare idoneo senza tuttavia che vengano meno i rapporti con la famiglia di origine. Al contrario, la famiglia presso la quale il minore è collocato in affidamento preadottivo, successivamente alla dichiarazione di adattabilità, ancorché non passata in giudicato, non ha rapporti con i genitori biologici, i quali sono privi della responsabilità genitoriale ed è legittimata a partecipare esclusivamente al giudizio di adozione, essendo a questo risultato finalizzata la collocazione in affidamento preadottivo

Cass. civile ordinanza 9456, sezione Prima Civile del 09-04-2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi