Non basta l’abilitazione per escludere l’assegno divorzile se l’ex si è sacrificata per la famiglia

No revisione dell’assegno se l’ex conviveva già all’epoca del divorzio
8 settembre 2020
No riduzione dell’assegno per la moglie se i l marito va in pensione e si trasferisce all’estero dove costa meno
8 settembre 2020

Deve ritenersi legittima la statuizione dell’assegno divorzile laddove il giudice del merito ha concretamente tenuto conto dell’accertata inadeguatezza dei mezzi economici del coniuge richiedente – o, comunque, della sua impossibilità di procurarseli non dovuta a negligenza – ritenendo il trattamento economico stabilito adeguato al contributo da fornito alla conduzione familiare, del sacrificio delle proprie aspettative professionali e reddituali per dedicarsi all’accudimento dei loro figli, a nulla rilevando l’abilitazione alla professionale laddove la richiedente ha svolto esclusivamente il ruolo di madre e il radicale mutamento dello stile di vita successivamente alla separazione ha inciso anche sul tempo necessario a procurarsi mezzi economici adeguati essendo la mancanza di altre disponibilità economiche logicamente idonea a precludere all’interessata le risorse finanziarie necessarie per intraprendere in proprio l’attività libero professionale

Cass. civile ordinanza 18548, sezione Sesta – 1 del 07-09-2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi