Non azionare per anni il diritto all’assegno non implica rinuncia tacita

Assegno divorzile: da FB la prova della stabile convivenza che fa cessare l’assegno
23 aprile 2021
No Ads, si interdizione per il soggetto affetto da sindrome di Down con oligofrenia di grado medio elevato e grave balbuzie
26 aprile 2021

Un comportamento meramente omissivo del creditore non può  di per sé integrare gli estremi della rinuncia tacita, ben potendo esso costituire semplice tolleranza del creditore, dovuta alle più varie e insindacabili ragioni, o anche solo costituire mera disattenzione.

La rinuncia della moglie a far valere per anni il diritto all’assegno di mantenimento non implica rinuncia tacita al diritto, che, salvo il decorso dell’ordinaria prescrizione quinquennale, può quindi essere azionato in qualsiasi momento.

Trib. Modena Sentenza n. 234 del 16.02.2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi