No Amministratore di sostegno per il prodigo… decisione discutibile

Assegno di divorzio: la Cassazione conferma la nuova linea
30 novembre 2017
Ex moglie casalinga dedita alla famiglia, lui benestante: si all’assegno di divorzio
1 dicembre 2017

Il giudice tutelare del Tribunale di Modena (decreto 3 novembre 2017) rigetta la richiesta di un  amministratore di sostegno (Ads), avanzata dai figli, per una persona che, a causa di una vita di eccessi, aveva dissipato il proprio patrimonio in «viaggi, serate, donne».

Secondo il Giudice la nomina dell’Ads presuppone che, nel caso del prodigo, deve esserci un’alterazione delle facoltà psichiche. L’equazione è «prodigalità = alterazione mentale». Va valorizzato al massimo il principio del rispetto della dignità e della libertà della persona. Il comportamento di chi sperpera il proprio patrimonio, per quanto eticamente riprovevole, rientra nella libertà dell’uomo e, come tale, non può essere giuridicamente compresso.

La decisione è discutibile perchè l’Ads, a differenza dell’inabilitazione (istituto oramai scomparso nella pratica e che si applicava proprio ai casi di prodigalità), non comporta tagli drastici della capacità d’agire, ma è un vestito su misura, come si suole definire. Sarebbe quindi stato possibile nominare un Ads attribuendoli specifici poteri di gestione del patrimonio che contemperassero anche la libertà del singolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi