Niente stalking per il padre che vuole solo vedere la figlia

La moglie deve cercare un lavoro che la renda autonoma anche se prende l’assegno dall’ex
14 marzo 2018
Danno da mancato riconoscimento del rapporto di filiazione e quantificazione
17 marzo 2018

Non commette reato di stalking il padre che “perseguita” la propria ex per poter vedere la figlia.

Lo afferma la sentenza 537/2018 della Corte d’Appello di Roma, secondo cui  l’elemento soggettivo richiesto per lo stalking  è il dolo generico, ovverosia la volontà di porre in essere condotte minacciose e moleste con la consapevolezza che le stesse sono idonee a produrre uno degli eventi alternativamente previsti dall’articolo 612-bis cod. pen. Il dolo  deve essere unitario e quindi, anche se può realizzarsi in maniera graduale, deve comunque esprimere un’intenzione criminosa che va oltre i singoli atti dei quali si compone la condotta tipica.

Nel caso di specie il padre, seppure con modalità esagerate aveva come unico scopo di esercitare il diritto di visita della figlia minorenne, mancando qualsivoglia  intento persecutorio in danno della ex compagna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi