Morte del coniuge durante il procedimento di divorzio

Non perde la casa il genitore spesso assente per lavoro
31 ottobre 2018
Rottura della convivenza e contributi dati per la casa comune
3 novembre 2018
La morte del coniuge comporta la scioglimento del matrimonio. Se la morte interviene mente pende il giudizio di divorzio, cessa la materia del contendere sia nel giudizio sullo “status“, che in quello relativo alle domande accessorie, compreso il giudizio sulla richiesta dell’assegno, non rilevando il passaggio in giudicato della sentenza non definitiva di divorzio, poichè l’obbligo di corresponsione dell’assegno è personalissimo e non trasmissibile agli eredi, trattandosi di posizione debitoria inscindibilmente legata ad uno status personale. Quindi non si può agire nei confronti dell’erede per vedersi riconoscere l’assegno.
Poichè questo obbligo di contribuire al mantenimento dell’ex coniuge è personalissimo, non è trasmissibile mortis causa in quanto si tratta di una posizione debitoria inscindibilmente legata a uno status personale e che conserva questa connotazione personalissima perche’ può essere accertato solo in relazione all’esistenza della persona cui lo status personale si riferisce.
Cass. civ. sentenza n. 4092 del 2018

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi