L’erede non può impugnare il matrimonio del defunto incapace

Pedone investito fuori dalle strisce: no al risarcimento del danno
7 luglio 2014
Colpa medica: cosa deve provare il paziente per ottenere il risarcimento ?
9 luglio 2014

Gli eredi non possono chiedere l’annullamento del matrimonio contratto dal de cuius in stato di assoluta incapacità di intendere e di volere se l’azione non è stata già esercitata dallo stesso prima della morte.
Lo afferma la Corte di Cassazione con la sentenza n. 14794/2014: la possibilità che soggetti terzi, anche se eredi, impugnino il matrimonio contratto da uno dei coniugi che sia affetto da vizi della volontà e incapacità di intendere e volere, sussiste solo nel caso in cui l’azione sia stata già esercitata dal coniuge il cui consenso o la cui capacità di intendere e volere fosse viziata: in questo caso l’azione è trasmissibile agli eredi qualora il giudizio sia «già pendente alla morte dell’attore». La legge considera il matrimonio un atto personalissimo di volontà che presuppone la piena consapevolezza del suo significato, e quindi la trasmissibilità dell’azione impugnatoria agli eredi è un’ eccezione. Il riconoscimento all’erede del diritto di proseguire l’azione impugnatoria già iniziata dal coniuge rappresenta la realizzazione di un interesse del de cuius e, solo indirettamente, dello stesso erede a che l’altro coniuge venga estromesso dall’eredità.

Comments are closed.

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi