La relazione del coordinatore genitoriale vale come prova

Figlio con due madri, nell’atto di nascita indicazione di una soltanto
20 dicembre 2022
Alla 50enne senza capacità lavorativa va l’assegno divorzile e la quota di TFR dell’ex coniuge
22 dicembre 2022

È legittima la valorizzazione delle relazioni del coordinatore genitoriale equiparandola alle risultanze della CTU nel procedimento di affidamento dei figli. L’ordinamento ammette il ricorso alle prove atipiche, dal momento che manca una norma che imponga la tassatività dei mezzi di prova.

Cass. civ., sez. I, 19 settembre 2022, n. 27348

 

www.ilfamiliarista.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi