La disparità economica fra le parti è presupposto imprescindibile per l’assegno divorzile

Pensione di reversibilità: morte dell’ex coniuge obbligato dopo la sentenza parziale di divorzio ma prima della definitiva determinazione dell’assegno
6 maggio 2022
Credito per mantenimento dei figli è incompensabile, indisponibile e impignorabile
6 maggio 2022

La disparità economica fra le parti è presupposto imprescindibile, in assenza del quale non si può accogliere la domanda di assegno divorzile.

Se dall’analisi comparativa della situazione economico reddituale dei coniugi emergono profili di obiettiva disparità che vedono uno di essi in posizione deteriore e che trovano una relazione causale specifica e diretta con un ruolo endofamiliare trainante assunto da quel coniuge negli anni del matrimonio, comportando per lui (o lei) il sacrificio di proprie aspettative professionali e reddituali a vantaggio dell’altro coniuge, è legittimo accogliere la domanda di assegno divorzile, in applicazione del criterio perequativo-compensativo; così pure se ricorre il criterio assistenziale, ossia se, oltre alla disparità reddituale, uno dei due coniugi non ha mezzi sufficienti per provvedere al proprio sostentamento e non può procurarseli per ragioni oggettive; così pure se, sempre in presenza della citata disparità economica, sussistono delle ragioni lato sensu risarcitorie, quale, ad esempio, l’addebito della separazione.

Trib. Bologna  sentenza 15 Novembre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi