Inviare messaggi persecutori ai parenti dell’ex è stalking

Violenza sessuale non è solo la congiunzione carnale
16 dicembre 2022
Niente assegno divorzile a chi spende più di quanto guadagna
18 dicembre 2022

Integra il reato di stalking la condotta di chi invia  messaggi WhatsApp e Facebook dal contenuto persecutorio, minaccioso ed offensivo a parenti e amici della ex, con la certezza che questi avrebbero riferito alla donna il contenuto  delle predette comunicazioni.

Cass. penale sent.  n. 46834/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi