Eredità: come va spartito il patrimonio se ci sono eredi “necessari”?

Se la figlia se ne va di casa, la madre perde il diritto all’assegnazione
2 novembre 2013
Trust per tutelare il “dipendente” dal gioco d’azzardo
7 novembre 2013

Un soggetto può disporre dei propri beni in vita anche mediante donazioni o testamento. Il testamento può essere fatto in favore di chiunque.

Esiste tuttavia un limite alla libertà di disporre dei propri beni come sopra: infatti, la legge prevede, a favore dei parenti “stretti” (ascendenti – cioè i genitori, discendenti – cioè i figli ed eventuali nipoti in loro mancanza, e coniuge) che una parte dei beni del defunto venga loro attribuita: si tratta della cd. Quota legittima. Della rimanente parte il de cuius può invece liberamente disporre (cd. Quota “disponibile”), e quindi anche in favore dei legittimari in aggiunta a quella spettante loro per legge.

I legittimari non possono quindi essere mai esclusi dalla successione ereditaria: se lo sono, ossia se il defunto non ha lasciato loro nulla oppure meno di quanto la legge prevede, possono agire nei confronti di coloro che hanno ricevuto per testamento o donazioni quanto non spetta.

La quota di “legittima” (e di conseguenza, per esclusione, anche quella disponibile) si calcola in questo modo:

1) si forma una massa di tutti i beni che appartenevano al defunto al momento della morte;

2) si sottraggono i debiti in modo che rimanga solo “l’attivo” (cd. “relictum”);

3) si riuniscono quindi fittiziamente i beni di cui sia stato disposto con donazione (cd. “donatum”), secondo il valore che avevano al tempo della successione;

4) sulla somma di relictum + donatum si calcolano la quota disponibile e quella spettante ai legittimari.

 

Come si calcola la legittima ?

1) Nel caso ci siano figli:

se c’è 1 solo figlio: la metà del patrimonio è riservata a lui, e l’altra metà è la quota disponibile;

se ci sono più figli: 2/3 diviso tra i figli e 1/3 è la quota disponibile;

se ci sono 1 figlio e il coniuge: 1/3 è riservato al figlio, 1/3 al coniuge, 1/3 è la quota disponibile;

se ci sono più figli e un coniuge: ai figli spetta la metà del patrimonio, ¼ spetta al coniuge, e ¼ è la quota disponibile.

2) Se non ci sono figli

se c’è il solo coniuge, ma ci sono gli ascendenti legittimi (padre, madre, nonni):
al coniuge spetta la metà del patrimonio, mentre agli ascendenti ¼, e ¼ è la quota disponibile;

se manca il coniuge: succedono gli ascendenti legittimi per 1/3 della quota, i restanti 2/3 sono quota disponibile;

se mancano coniuge e ascendenti: il testatore può distribuire il proprio patrimonio a chiunque preferisca

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi