Conto corrente cointestato: di chi sono i soldi?

No al rimborso delle spese sostenute per ristrutturare la casa assegnata al coniuge
26 maggio 2017
Una tantum in sede di divorzio e diritto alla pensione di reversibilità
1 giugno 2017

Se un conto corrente è cointestato, le somme presenti sul medesimo si presumono appartenenti ad entrambi gli intestatari, salvo prova contraria. Quindi è possibile che entrambi i titolari possono gestire autonomamente ed indipendentemente il conto in questione;la contitolarità è presunta, al 50%, sulle somme presenti sul conto stesso.
Ma è ammessa la prova contraria e se uno dei titolari dimostra che il saldo presente è di sua esclusiva proprietà e provenienza, l’altro non potrà rivendicare la metà.
Il principio vale anche in materia successoria: alla morte di uno dei titolari del conto, l’altro potrebbe dimostrare che il saldo presente è esclusivamente suo e la somma non cadrebbe in successione.

Al contrario gli eredi del de cuius contitolare del conto corrente, potrebbero provare il contrario, cioè che il saldo apparteneva per intero a quest’ultimo, e l’intero saldo presente sul conto cadrebbe in successione.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi