Commette reato chi si licenzia o lavora meno per scelta e non paga l’assegno

E’ reato non far vedere il figlio al padre anche solo per due volte
18 luglio 2018
L’erede paga i debiti del defunto?
23 luglio 2018

Se il coniuge si licenzia o sceglie di lavorare parti time, e smette di pagare l’assegno di mantenimento, commette il reato di violazione degli obblighi familiari perché è sua la decisione di non lavorare e di non aver i mezzi sufficienti per far fronte agli adempimenti di natura economica.

Nel caso di specie deciso dai supremi giudici, i giudici hanno escluso che l’imputato si trovasse nell’impossibilità di adempiere al versamento dell’assegno di mantenimento sia in considerazione del fatto che era stata una sua precisa scelta quella di lavorare part time, così riducendo le proprie entrate mensili, sia avendo riguardo al fatto che in ogni caso, nei due anni precedenti, l’uomo aveva percepito delle entrate ragguardevoli per il lavoro straordinario svolto. Il che è stato ritenuto indice della sua capacità lavorativa. Solo, infatti, in caso di inabilità derivata da una malattia o da altra causa non colpevole la riduzione dell’orario da full time a part time potrebbe non essere addebitata all’ex coniuge, con il risultato che quest’ultimo potrebbe legittimamente chiedere la riduzione dell’assegno di mantenimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi