Assegno di divorzio, non basta lo squilibrio anche se lei è disoccupata

Il Giudice può aumentare i poteri dell’Ads senza ascoltare il beneficiario
4 settembre 2022
Coniugi divorziati: stalking o maltrattamenti per la condotta persecutoria?
6 settembre 2022


In tema di assegno divorzile lo squilibrio economico tra le parti e l’alto livello reddituale del coniuge destinatario della domanda di cui alla legge 898/70 ex articolo 5 non sono elementi autonomamente decisivi per il riconoscimento e la successiva quantificazione del trattamento economico, dovendo ritenersi che i criteri fondanti su cui accertare la sussistenza del diritto a percepire l’assegno divorzile siano costituiti dalla non autosufficienza economica, insieme alla eventuale necessità di compensazione del particolare contributo dato dal coniuge richiedente l’assegno, durante la vita matrimoniale, della cui prova è onerato il richiedente, in conseguenza delle aspettative professionali sacrificate, in base ad accordo con l’altro coniuge, per avere dato un particolare e decisivo contributo alla formazione del patrimonio comune e dell’altro coniuge.

Tribunale di Reggio Calabria, sentenza 972, sezione Civile del 25-08-2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi