Assegno divorzile: precisazioni sulla sentenza SU n.18287/2018

Revocabile il trasferimento immobiliare con la separazione se è in frode ai creditori
16 luglio 2018
E’ reato non far vedere il figlio al padre anche solo per due volte
18 luglio 2018

Le Sezioni Unite, con la sentenza n.18287/2018, hanno abbandonato sia l’indirizzo che parametrava i mezzi adeguati al precedente tenore di vita, sia quello recente che faceva leva sull’autosufficienza economica.

L’assegno, secondo la Corte, assolve a una funzione equilibratrice finalizzata soltanto al riconoscimento del ruolo e del contributo fornito dall’ex coniuge economicamente più debole alla realizzazione della situazione comparativa attuale».

L’assegno divorzile ha  natura composita, cioè deve essere attribuito e determinato alla luce della valutazione comparativa delle rispettive condizioni economico-patrimoniali dei coniugi, in considerazione del contributo fornito dall’ex coniuge richiedente alla formazione del patrimonio comune e personale, in relazione alla durata del matrimonio, alle potenzialità reddituali e future e all’età del beneficiario.

Dunque, il giudice deve valutare le condizioni economico-patrimoniali delle parti, ma deve anche accertare se l’eventuale rilevante disparità della situazione economico-patrimoniale degli ex coniugi all’atto dello scioglimento del vincolo sia dipendente dalle scelte di conduzione della vita familiare adottate e condivise in costanza di matrimonio, con il sacrificio delle aspettative professionali e reddituali di una delle parti in funzione dell’assunzione di un ruolo trainante all’interno della famiglia, in relazione alla durata del matrimonio.

Occorre quindi anche tenere conto della concreta possibilità di recuperare il pregiudizio professionale ed economico derivante dall’assunzione di un impegno diverso. Diversamente, afferma il Collegio, il criterio dell’apporto fornito dall’ex coniuge risulterebbe marginalizzato, con conseguente ingiustificata sottovalutazione dell’autoresponsabilità.

Quindi, a una prima lettura, si dovrebbe escludere l’assegnoin tutti quei casi in cui, pur sussistendo astrattamente una (rilevante) sproporzione tra le posizioni economico-patrimoniali delle parti, l’ex coniuge richiedente abbia i mezzi per condurre una vita autonoma e non abbia contribuito in maniera significativa alla formazione del patrimonio familiare o dell’altro coniuge, poiché in tal caso la disparità non dipende dalle scelte di vita fatte dai coniugi durante il matrimonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi