Assegno divorzile: più facile la riduzione nelle cause in corso

Locazione: l’inquilino che se ne va prima della scadenza deve pagare il preavviso
15 maggio 2017
Allontanamento dalla casa famigliare: non è causa di addebito se il matrimonio è già in crisi
16 maggio 2017

A seguito della sentenza 11504/2017 con cui la Cassazione abbandona il criterio del tenore di vita quale parametro per la determinazione della sussistenza del diritto dell’ex coniuge all’assegno divorzile, in molti si chiedono se è possibile ottenere una modifica della sentenza già pronunciata. Attenzione: per chiedere la modifica occorre anche che si sia verificato un mutamento delle circostanze esistenti al momento della determinazione dell’assegno di divorzio, che abbia inciso sulle condizioni economiche delle parti. Non basta cioè invocare il mutato orientamento della Cassazione.
Diverso per chi ha in corso una causa di divorzio: in questo caso, il nuovo criterio potrà essere applicato, sempre che il Giudice del procedimento aderisca al nuovo indirizzo di pensiero della Corte.
Il giudice dovrà valutare solo la «mancanza di mezzi adeguati» per mantenersi e l’impossibilità di procurarseli basandosi su elementi che vanno dalla presenza di altri redditi alla capacità lavorativa. Solo se l’esito della valutazione è positivo, verrà quantificato l’importo dell’assegno, tenuto conto del contributo di ciascuno alla conduzione familiare e al patrimonio, il reddito di entrambi, la durata del matrimonio e le ragioni della decisione.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi