Assegno divorzile: occorre dimostrare il sacrificio (anche professionale)

Ammonito il genitore che non fa vedere il figlio all’altro
21 marzo 2022
Dovere di fedeltà: la violazione non è sempre risarcibile
22 marzo 2022

La docente che abbia conseguito la cattedra non ha sacrificato le proprie aspettative professionali.

Per l’attribuzione e la quantificazione dell’assegno divorzile si deve tenere conto della funzione assistenziale e compensativo-perequativa cui tale assegno assolve. Quindi nel valutare l’inadeguatezza dei mezzi dell’ex coniuge che ne faccia richiesta, si deve tener conto, utilizzando i criteri elencati all’art. 5, comma 6, della L. n. 898/1970, della necessità di compensarlo per il contributo, che dimostri di avere dato, alla formazione del patrimonio comune o dell’altro coniuge durante la vita matrimoniale, senza che abbiano rilievo, da soli, lo squilibrio economico tra le parti e l’alto livello reddituale dell’altro ex coniuge, tenuto conto che la differenza reddituale è coessenziale alla ricostruzione del tenore di vita matrimoniale, tuttavia risulta oramai irrilevante ai fini della determinazione dell’assegno, e l’entità del reddito dell’altro ex coniuge non giustifica, di per sé, la corresponsione di un assegno in proporzione delle sue sostanze. Nella specie,

 

Cassazione civile, sez, I, ordinanza 8 marzo 2022, n. 7596.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi