Assegno divorzile chiesto per la prima volta in sede di revisione

Riscossione coattiva e iscrizione ipotecaria su beni facenti parte di un fondo patrimoniale
10 giugno 2021
Affido famigliare (alla zia): il minore va ascoltato
12 giugno 2021

L’assegno divorzile, qualora sia richiesto per la prima volta nel giudizio di revisione ex art. 9 l. n. 898/1970, va attribuito e quantificato applicando gli elementi di cui alla prima parte dell’art. 5 comma 6 della predetta legge, e non il parametro del tenore di vita matrimoniale, da valutare secondo il composito criterio assistenziale, compensativo e perequativo, con prevalenza della funzione assistenziale qualora il giudice di merito accerti che il sopravvenuto e incolpevole peggioramento della condizione economica di vita di uno degli ex coniugi non sia altrimenti suscettibile di compensazione per l’assenza di altri obbligati o di altre forme di sostegno pubblico, e che l’ex coniuge onerando, sia in grado, allo stato attuale, di sostenere economicamente l’esborso di cui trattasi ed abbia in passato ricevuto o goduto di apporti significativi da parte di quello che successivamente si è impoverito ed è divenuto bisognoso di un sostegno alimentare.

Cass. civ., sez. I, 24 febbraio 2021, n. 5055

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi