Assegno di divorzio anche se l’ex svolge attività lavorativa, limitata con redditi modesti

Colpevole di reato il genitore che contribuisce saltuariamente al figlio minore
3 ottobre 2015
E’ colpevole il coniuge che non paga l’assegno perchè ha un lavoro precario
6 ottobre 2015

Spetta l’assegno di divorzio all’ex moglie, anche se svolge una limitata attività, con redditi modesti e saltuari.

Lo precisa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 19780/2015, rigettando il ricorso dell’ex marito contro la decisione che aveva determinato per la moglie un assegno divorzile pari a 300,00 euro mensili.

L’assegno divorzile deve tendere a mantenere il tenore di vita goduto dall’ex coniuge durante la convivenza matrimoniale, anche se indice di tale tenore può essere l’attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi. Nel caso di specie v’era disparità in favore del marito. Alla donna è quindi riconosciuto l’assegno seppure ciò non escluda che possa svolgere una limitata attività lavorativa, dunque fonte di redditi modesti, tenuto conto dell’età e delle condizioni di salute.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi