Assegnazione della casa solo per proteggere la prole

Coniugi in comunione: il bene acquistato da uno dei due in contanti è comune
7 novembre 2018
Trust: beneficiari senza diritti attuali non possono agire in revocatoria
11 novembre 2018

La scelta cui il giudice è chiamato non può prescindere dall’affidamento dei figli minori o dalla convivenza con i figli maggiorenni non ancora autosufficienti che funge da presupposto inderogabile dell’assegnazione e che suddetta scelta, inoltre, neppure può essere condizionata dalla ponderazione tra gli interessi di natura solo economica dei coniugi o tanto meno degli stessi figli, in cui non entrino in gioco le esigenze della permanenza di questi ultimi nel quotidiano loro habitat domestico. L’assegnazione della casa familiare, in conclusione, è “uno strumento di protezione della prole e non può conseguire altre e diverse finalità”
Cassazione civile, sez. I, ordinanza 12 ottobre 2018, n. 25604

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi