Assegnazione della casa coniugale: nessun diritto se il figlio ha potenzialità reddituali

Ripartizione delle spese tra conduttore (inquilino) e proprietario
19 settembre 2013
Separazione dei beni: a chi vanno i beni se il matrimonio finisce?
22 settembre 2013

Niente assegnazione della casa coniugale all’ex , convivente  con un figlio trentenne che ha maturato esperienza professionale facendo pratica in uno studio, e quindi ha potenzialità reddituali.

Lo afferma la Cassazione con la sentenza 21334 del 18 settembre 2013: l’assegnazione della casa coniugale è possibile solo se ci sono figli minorenni o maggiorenni non economicamente autosufficienti conviventi con il genitore che rivendica il godimento dell’abitazione.

Fondamento dell’art. 155 quater cod. civ., che regola l’assegnazione in caso di separazione, è proteggere i figli minori o maggiorenni ma non economicamente indipendenti, garantendo loro la permanenza  nell’ambiente domestico in cui sono cresciuti.

Laddove, quindi, vi siano solo figli maggiorenni che seppur non ancora indipendenti hanno maturato una capacità reddituale, viene meno il presupposto dell’assegnazione della casa coniugale.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi