Annullabile il contratto con l’incapace, restituzione solo se c’è indebito vantaggio

Affido temporaneo: da preferire i nonni rispetto a terzi estranei alla famiglia
4 febbraio 2020
Revocabilità del fondo patrimoniale. Irrilevanza dei motivi etici e sociali
5 febbraio 2020

Chi contrae con un soggetto incapace rischia oltre all’annullamento dell’atto di non vedersi restituita la prestazione eseguita, a prescindere dalla buona o mala fede.

Ai fini della restituzione di quanto pagato al soggetto privo della capacità a contrarre, va provato dalla controparte che le somme versate non corrispondono ad alcun diritto dell’incapace e che costituiscono quindi un suo indebito vantaggio. Al contrario, cnon grava sul soggetto incapace dimostrare che – al di là dell’annullamento della transazione – aveva comunque diritto alla prestazione ricevuta dall’altro contraente.
Tale regola sull’onere della prova deriva direttamente dal fatto che il soggetto incapace si presume che si trovi sempre in una situazione di maggior debolezza rispetto all’altro contraente, che quindi sopporta le conseguenze dell’annullamento ed è gravato dall’onere di provare il vantaggio ottenuto dall’incapace

Cass. civile sentenza n. 2460 del 4.2.2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi