Ancora sul mantenimento del figlio maggiorenne: non è dovuto se in passato ha lavorato

Riscaldamento in condominio: mai sospeso
31 ottobre 2013
Assegno illegittimo per l’ex moglie e la figlia che hanno una fiorente attività commerciale
2 novembre 2013

Niente mantenimento a carico del padre divorziato per il figlio maggiorenne e disoccupato che abbia avuto esperienze lavorative anche solo saltuarie: esse attestano infatti la sussistenza di capacità lavorativa.

Lo afferma  la Corte di cassazione con l’ordinanza 24515 del 30 ottobre 2013, specificando che “il diritto del coniuge di ottenere un assegno per il mantenimento del figlio maggiorenne convivente è da escludere quando quest’ultimo, ancorché allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato iniziato a espletare un’attività lavorativa, così dimostrando il raggiungimento di un’adeguata capacità e determinando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento da parte del genitore, senza che assuma rilievo il sopravvenire di circostanze ulteriori le quali, se pur determinano l’effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti siano già venuti meno”.

Nel caso in esame, inoltre, non v’era stato nessun aumento del reddito paterno tale da giustificare il mantenimento del suo obbligo di contribuzione e addirittura il suo aumento quando, invece, la sua capacità di spesa era notevolmente diminuita a seguito della nascita di un figlio dal suo secondo matrimonio.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi