Anche l’avvocato deve versare all’ex moglie l’assegno

Coppia gay: non è un ostacolo all’affidamento del figlio
12 gennaio 2013
Mai lasciare la casa senza l’accordo col coniuge: si rischia l’addebito
13 gennaio 2013

La legge è uguale per tutti!

La Corted’Appello di Ancona condanna un avvocato, titolare di un grosso Studio, a versare l’assegno di divorzio all’ex moglie, professionista commercialista, che lo aveva aiutato nell’attività lavorativa. La donna, infatti, aveva sempre lavorato per il marito e, non più giovane, incontra ora oggettive difficoltà a reperire un lavoro nuovo.

Presupposto dell’assegno di divorzio è infatti l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente (comprensivi di redditi, cespiti matrimoniali ed altre utilita’ di cui possa disporre) a conservare un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, in base al criterio secondo cui, mentre non e’ necessario uno stato di bisogno dell’avente diritto (il quale può essere anche economicamente autosufficiente), rileva invece l’apprezzabile deterioramento, in dipendenza del divorzio, delle precedenti condizioni economiche

E non è tutto: l’avvocato deve anche continuare a contribuire al mantenimento della figlia, che seppur maggiorenne, svolge un lavoro modesto, certamente non consono a garantirle  il tenore di vita avuto insieme alla famiglia d’origine.

Anche la casa coniugale, di conseguenza viene assegnata all’ex moglie, nonostante la figlia vi si rechi soltanto nei fine settimana

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi