Amministrazione di sostegno per chi fa debiti e spende al gratta e vinci

Le foto del tradimento non si possono usare nel giudizio sull’addebito
9 marzo 2018
Mantenimento del maggiorenne che rifiuta di lavorare nell’azienda del padre
10 marzo 2018

La Cassazione, sentenza n. 5492 del 7 marzo 2018, ha affermato che «può adottarsi la misura di protezione (cioè l’amministrazione di sostegno), nell’interesse del beneficiario, anche in presenza dei presupposti di interdizione o di inabilitazione e dunque anche quando ricorra una condizione di prodigalità».

Nel caso di specie, si trattava di una donna che aveva contratto una pluralità di prestiti con Findomestic; un mutuo Inps con cessione del quinto della pensione, pari 1.600 euro mensili; un prestito di 40mila euro con la figlia; debiti per spese condominiali; un debito di 34mila euro con il bar Caffè Roma, di cui la metà per l’acquisto di “gratta e vinci”.

Secondo la Cassazione, la prodigalità «cioè un comportamento abituale caratterizzato da larghezza nello spendere, nel regalare o nel rischiare eccessivamente rispetto alle proprie condizioni socio-economiche ed al valore oggettivamente attribuibile al denaro, configura autonoma causa di inabilitazione, indipendentemente da una sua derivazione da specifica malattia o comunque infermità, e, quindi, anche quando si traduca in atteggiamenti lucidi, espressione di libera scelta di vita, purché sia ricollegabile a motivi futili».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi