All’ex moglie ammalata spetta l’assegno di divorzio se ha ingenti costi di cura

Collocamento alternato del minore se c’è conflittualità
3 luglio 2018
Nuove nozze: assegno divorzile revocato e diritto alla restituzione
5 luglio 2018

L’ex marito chiedeva la revoca o riduzione a una cifra simbolica dell’assegno divorzile  in favore dell’ex moglie, affetta da sclerosi multipla in stato avanzato, lamentando un peggioramento delle proprie condizioni economiche successivamente alla sentenza di divorzio e il raggiungimento dell’autosufficienza economica da parte della resistente.

Secondo il il Tribunale di Milano (decreto 31 maggio 2018) , le condizioni oggettive di vita (età) e di salute (grave patologia degenerativa) della resistente non permettono di considerarla economicamente autosufficiente.

I beni e i redditi di cui dispone, infatti, non le consentono in via autonoma di condurre un’esistenza libera e dignitosa non essendo sufficienti a far fronte, in considerazione dell’entità significativa degli esborsi da sostenere «per il fatto stesso di poter vivere», a quanto necessario per poter affrontare con dignità la propria vita come “persona singola” e non più parte di una coppia. Nel caso in esame, non si tratta di tenore di vita ma di «necessarietà dei costi essenziali e incomprimibili del vivere dai quali non può prescindere il curarsi e il doversi occupare, in autonomia, di sè».

Per questi motivi, il Tribunale di Milano rigetta il ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi