Affidamento condiviso non è pari tempo

Assegno divorzile: la disparità economica deve essere il frutto delle scelte condivise
16 novembre 2020
Culpa in educando anche per il genitore non naturale
17 novembre 2020

La regolamentazione dei rapporti tra i genitori e i figli deve essere frutto di una valutazione ponderata nell’interesse preminente del minore, non potendo avvenire sulla base di una simmetrica e paritaria ripartizione dei tempi di permanenza aprioristicamente stabilita.

La regola dell’affidamento condiviso è la scelta preferenziale onde garantire il diritto al minore “di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori” e la valutazione per determinare i tempi e le modalità di permanenza del figlio può ravvisare la necessità di decidere che il collocamento avvenga prevalentemente presso un genitore, essendo assicurata la presenza dei figli anche al genitore non collocatario regolamentando il c.d. diritto di visita

Cass. civile ord., 7 settembre 2020, n. 19323

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi