Separazione: le spese condominiali restano a carico del coniuge proprietario, anche se non vive nella casa famigliare

Il Ministero dell’istruzione chiarisce: entrambi i genitori, anche se separati, devono essere informati dalla scuola su tutto
17 settembre 2015
Assegno di mantenimento: l’effettivo alto tenore di vita prevale sui redditi dichiarati
18 settembre 2015

In caso di separazione, le spese condominiali relative alla casa famigliare sono a carico del coniuge proprietario dell’immobile, anche se assegnato all’altro.

Lo chiarisce la Cassazione civile con la sentenza n. 8824 del 30.04.2015: per il condominio, l’unico titolare di diritti e obblighi è il proprietario dell’appartamento e non colui che ne ha il mero godimento.   L’amministratore non ha rapporti diretti con i soggetti che, a qualsiasi titolo, utilizzino le unità immobiliari (come, del resto, in caso di affitto, avviene nei confronti dell’inquilino). Quindi, anche la convocazione dell’assemblea deve essere inviata esclusivamente al proprietario. Se quest’ultimo omette di pagare le spese condominiali, il condominio non potrà rivolgersi al coniuge assegnatario dell’immobile che non ne sia, anche, proprietario. E ciò perché, precisa la Corte, in materia condominiale, non vale il principio della cosiddetta “apparenza”: l’amministratore deve convocare in assemblea solo il vero proprietario dell’appartamento e non anche colui che si comporti come condomino senza però esserlo.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi