Separazione con figlio disabile grave

Unioni civili: come si costituiscono, regime patrimoniale e obblighi personali
25 maggio 2016
Contratti di convivenza: contenuto
25 maggio 2016

Con riferimento a un caso di separazione che coinvolgeva figlia maggiorenni disabili, la sentenza del 12 gennaio 2016 il Tribunale di Potenza ha stabilito che:

  • ai figli maggiorenni portatori di handicap si applicano integralmente le norme previste in favore dei figli minori
  • l’equiparazione non riguarda l’affidamento ma solo la tutela economica del figlio, in quanto con la maggiore età viene meno la presunzione legale di incapacità (come pure la responsabilità dei genitori); sicché al disabile vanno estese solo le norme sul diritto al mantenimento, all’audizione e alla casa familiare
  • nel caso in cui il figlio maggiorenne presenti una disabilità assoluta e globale (perché coinvolgente non solo la sfera fisica, ma anche quella intellettiva e comportamentale), il giudice non può limitarsi a prevedere a sua tutela delle misure fondate sulla semplice equiparazione con il figlio minore, ma deve andare al di là di quanto “stringatamente stabilito” dalla legge. All’atto pratico ciò implica non solo il dovere dei genitori di assolvere al compito di garantire al figlio tutto il necessario sostentamento economico, ma anche di non far mancare al figlio accudimento e cure.

Nello specifico, il tribunale ha evidenziato che se è pur vero che il figlio minore – come pure il maggiorenne ad esso equiparato – ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori, di ricevere da loro assistenza morale e materiale, nel caso di una situazione di disabilità non solo grave, ma assoluta, il giudice deve seguire (anche ispirandosi ai principi costituzionali riguardanti i diritti inviolabili dell’uomo e i doveri dei genitori) un criterio di interpretazione della legge che vada al di là della semplice equiparazione del maggiorenne ad un minore. Quindi quando il figlio maggiorenne è portatore di un handicap di particolare gravità, ha bisogno (e diritto) di frequentazioni e visite e rapporti significativi con i parenti, ha diritto ad uno speciale accudimento e cure particolari, continuative e permanenti da parte dei genitori; cure non sempre delegabili, sotto il profilo dell’impegno, a soggetti terzi.

Tali necessità di cura e assistenza vanno assolte sia con il contributo economico che con uno stretto rapporto personale col genitore.

Quanto alla misura dell’assegno periodico dovuto dal padre, la pronuncia chiarisce che i trattamenti economici statali percepiti dal disabile in ragione del suo handicap (ad es. l’accompagnamento) devono considerarsi emolumenti indipendenti dal mantenimento dovuto dai genitori. Ciò per due ordini di ragioni:

– innanzitutto, le provvidenze economiche hanno finalità meramente assistenziale

– ed inoltre, la valutazione del diritto e della misura dell’assegno in favore del figlio maggiorenne portatore di handicap va riferita sempre alla tendenziale possibilità per il figlio di fruire del tenore di vita goduto quando la famiglia era unita.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi