Se la coppia si separa anche l’animale domestico può essere…affidato

Diritto di visita: cos’è e quali sono i rimedi in caso di violazione
2 novembre 2016
Affido esclusivo se un genitore si disinteressa completamente del figlio
9 novembre 2016

Si all’affido condiviso del cane in caso di separazione della coppia, sposata o convivente, applicandosi per analogia la disciplina vigente per i figli minori: non c’è infatti alcuna norma specifica e d’altro canto oggi i rapporti tra conviventi sono assimilati a quelli tra coniugi

Lo afferma il Tribunale di Roma con la sentenza n. 5322/2016. Il giudice richiama due precedenti in materia (Tribunale di Cremona e Tribunale di Foggia) e ricorda che in Parlamento «giace da molti anni» una proposta di legge con la quale si vorrebbe introdurre nel Codice civile l’affido degli animali familiari in caso di separazione dei coniugi. «La proposta di legge – spiega il giudice di Roma – estende la competenza del Tribunale a decidere dell’affido dell’animale anche alla cessazione della convivenza more uxorio».

In base a queste considerazioni e a un’istruttoria approfondita il giudice ha stabilito che il cane trascorrerà sei mesi con il suo padrone e sei mesi con la sua padrona, in quali dovranno pagare al 50% le spese relative a cibo, cure mediche e «quanto altro eventualmente necessario al benessere» del cane. Nei sei mesi in cui una delle due parti non starà con il cane potrà comunque «vederlo e tenerlo due giorni la settimana, anche continuativi, notte compresa».

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi