Se i redditi di lei sono adeguati, e non dimostra di aver goduto durante il matrimonio di un tenore più alto, niente assegno

La figlia resta col padre….a volte accade (ma la madre deve proprio averla fatta grossa)
24 settembre 2015
Mantenere i figli è prioritario rispetto a pagare i creditori
27 settembre 2015

L’assegno di mantenimento è escluso se l’ex moglie lavora, e ha un proprio reddito, salvo dimostrare che durante il matrimonio godeva di un tenore di vita più elevato: lo afferma la Cassazione con l’ordinanza 18816/2015.

L’assegno di mantenimento deve tendere a eliminare le sproporzioni di reddito tra i due ex coniugi, garantendo a quello più debole economicamente un tenore di vita analogo a quello matrimoniale. Ma se i redditi sono simili, niente assegno. Ciò vale anche nel caso in cui, in sede di separazione, è stato riconosciuto l’assegno di mantenimento, ma successivamente le posizioni economiche si sono parificate: quando arriva il momento del divorzio, il giudice può revocare l’assegno.

Nel caso di specie, l’ex moglie era titolare di un adeguato reddito da lavoro e di una casa, il tutto sufficiente a farla vivere bene, e in ogni caso, non aveva dimostrato di aver goduto, durante la convivenza matrimoniale, di un tenore di vita più elevato. 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi